Pages

giovedì 16 febbraio 2017

Le primarie del CentroSinistra saranno domenica 26 marzo

Le primarie del centrosinistra di Cernusco sul Naviglio, in vista delle prossime amministrative, si terranno domenica 26 marzo.

Costruiamo insieme la città del futuro, che poserà su solide basi: i 10 anni di buon governo che abbiamo condiviso.

Con questo spirito Partito Democratico e Vivere Cernusco aprono il percorso che porterà alla scelta del candidato sindaco della coalizione di centrosinistra per le amministrative che si terranno a primavera 2017.

Primi atti concreti: la nascita del Comitato promotore delle primarie del centrosinistra, le regole fissate in un regolamento e la data per la consultazione. Le primarie saranno a turno unico, si terranno domenica 26 marzo 2017 e saranno aperte a tutti gli elettori di centrosinistra, cui verrà richiesto un contributo spese di 2 euro.

Sino a oggi sono emerse tre disponibilità, quelle di Ermanno Zacchetti e Maurizio Rosci per il Partito Democratico e quella di Daniele Restelli per Vivere Cernusco. Per diventare candidature effettive dovranno essere supportate da 200 firme di cittadini iscritti alle liste elettorali.

Sarà un appuntamento importante per i Cernuschesi, che potranno dire la loro scegliendo il candidato del centrosinistra alle prossime amministrative e avviando il percorso che, attraverso tavoli aperti e partecipati, porterà alla costruzione del programma di governo della città per i prossimi 5 anni.


Daniele Mandrini – Segretario PD
Donato Scotti - coordinatore VIVERE Cernusco

venerdì 10 febbraio 2017

Ritiro deleghe a Rita Zecchini: STUPITI PER LE DICHIARAZIONI DI SINISTRA PER CERNUSCO


Abbiamo letto con sincero stupore il comunicato di Sinistra per Cernusco in riferimento al ritiro delle deleghe all'Assessore Zecchini da parte del Sindaco.

Paradossale che proprio il Sindaco venga accusato di piegarsi a diktat di partito quando, a nostro parere, è proprio SxC ad aver fatto una scelta che risponde solo a logiche di partito, interrompendo così un'esperienza decennale di collaborazione e buona amministrazione della città.

La scelta di SxC di votare nell'ultimo consiglio comunale in modo difforme da quanto fatto due anni e mezzo fa non trova infatti motivazioni, se non nella volontà, tutta politica, di disconoscere un'esperienza che, nella nostra città, ha portato il centro sinistra unito a governare, con positivi risultati, per dieci anni, rinnovando il volto di Cernusco, oggi portata ad esempio sia per le scelte di pianificazione territoriale sia per le risposte ai bisogni sociali.

Non trovano infatti riscontro le dichiarazioni fatte in consiglio comunale da SxC per giustificare il voto diverso da quello del 2014: non è affatto vero che, nel 2014, non si conoscessero gli aspetti della proposta di Eurocommercial ma solo il perimetro dell'intervento; basta leggere il testo dell'attodi indirizzo allora approvato per smentire tali affermazioni. Ricordiamo inoltre che tutto l'iter relativo alle successive proposte di Eurocommercial è stato sempre condiviso in modo trasparente nelle numerose riunioni di maggioranza e che, fino all'ultimo, Sindaco, Pd e Vivere Cernusco hanno cercato di trovare una soluzione condivisa da tutta la maggioranza. Purtroppo SxC non si è mostrata disponibile ad un confronto vero, trincerandosi dietro rigidità pregiudiziali, addirittura non presentandosi all'ultimo incontro di maggioranza convocato prima del consiglio comunale.

Il ritiro, da parte del Sindaco, delle deleghe all'Assessore Zecchini, di cui riconosciamo il buon lavoro, è una diretta conseguenza della rottura del patto di fiducia e collaborazione tra le forze di maggioranza. Siamo dispiaciuti per la fine di un'alleanza in cui abbiamo sempre creduto e per la quale molto ci siamo spesi; spiace ancora di più leggere dichiarazioni che non corrispondono alla realtà, poiché contraddicono un percorso che, in tutti questi anni, è sempre stato improntato alla massima trasparenza, onestà e rispetto.

sabato 4 febbraio 2017

VIVERE Cernusco e PD continuano a lavorare con spirito di squadra

Dal punto di vista di Pd e Vivere Cernusco, la posizione presa in Consiglio Comunale dal consigliere comunale di Sinistra per Cernusco, rappresenta un deciso allontanamento dal percorso iniziato insieme nel 2007 e disconosce il modello nuovo di città, rispettoso del territorio, che abbiamo ideato e realizzato fino a qui.

Noi intendiamo proseguire su tale modello che ci ha visto raggiungere importanti risultati ambientali, e non possiamo assecondare interessi diversi da quelli della città.

Per questa ragione non si vedono, dunque, margini per poter continuare un cammino politico comune con Sinistra per Cernusco, in vista anche del prossimo confronto elettorale. Riteniamo infatti che, con il voto contrario sull'atto di indirizzo relativo alla proposta di ampliamento del Carosello, Sinistra per Cernusco abbia smarrito quello spirito di squadra con cui si è lavorato insieme in questi 10 anni di amministrazione, dal momento che antepone l’interesse di partito al bene comune della città, e affossa il metodo utilizzato in altre decisioni complicate, ma utili per la città, che abbiamo affrontato insieme nel corso degli anni, superando le normali diversità di vedute che in una coalizione sono sempre possibili.

Solo considerazioni di interesse di breve periodo possono spiegare una così grave inversione di rotta rispetto alla fiducia che, invece, era stata manifesta a Sindaco e Vice Sindaco nel 2014 e ripetuta a settembre 2016, su indirizzi molto simili sulla stessa questione. Partito Democratico e Vivere Cernusco continuano e continueranno a condividere, invece, nell'amministrare Cernusco, spirito, ideali e metodo che permettano di assumersi sempre insieme la responsabilità delle scelte con una visione complessiva della città e dei suoi bisogni, senza mai perdere di vista l'obiettivo del bene della città, sopra ogni diversa considerazione.

Questo stesso approccio, sperimentato in 10 anni di buona amministrazione, ci permette di costruire su basi solide il percorso partecipato delle primarie che si terranno entro marzo e che vivremo come momento di grande unità programmatica. Condividiamo il dispiacere di tutti coloro che ancora non si spiegano questa inversione di rotta, e non si arrendono all'idea di disperdere definitivamente il lavoro svolto fino a qui da Sinistra per Cernusco.

Daniele Mandrini – Segretario PD
Donato Scotti - coordinatore VIVERE Cernusco

giovedì 2 febbraio 2017

Carosello: l'intervento del capogruppo di VIVERE Cernusco

Pubblichiamo l'intervento del capogruppo di VIVERE Cernusco realizzato ieri in occasione del Consiglio Comunale. Mariangela Mariani ripercorre le ragioni che hanno portato il nostro gruppo a votare a favore di questo atto di indirizzo che, ricordiamo, non sta dando il via libera ad un progetto ma sta aprendo un percorso di confronto tra le parti in causa (Carosello, comuni di Cernusco e Carugate e Regione Lombardia).

La votazione di ieri è la seconda a cui è stato chiamato il Consiglio Comunale di Cernusco dopo quella del 2014. Per completezza di informazione qui potete trovare l'intervento che a suo tempo fece in aula Mariangela Mariani.

NUOVO ATTO DI INDIRIZZO CAROSELLO – 1 febbraio 2017
intervento del capogruppo di Vivere Cernusco Mariangela Mariani


Premetto, per chi sta mescolando i due piani, come ha fatto nel suo intervento anche il consigliere Radaelli, che ciò che stiamo per deliberare non è il via libera a un progetto: è invece un atto di indirizzo che, come ha compreso chiaramente e riconosciuto anche il consigliere De Luigi, consentirà al Sindaco di sedersi a un tavolo e discutere, con indicazioni che intendono tutelare al meglio la nostra città, un accordo di programma; non stiamo ancora siglando questo accordo che, qualora si concretizzasse, dovrà superare il vaglio dei Consigli Comunali di Cernusco e Carugate che valuteranno attentamente le ricadute positive e negative sulle rispettive città.

Premesso ciò, la decisione di Vivere Cernusco è di sostenere l’atto di indirizzo oggi proposto dalla Giunta. Questo perché, oltre a contenere, come quello approvato nel 2014, tutti le indicazioni, i paletti, che, concordemente, tutti i gruppi di maggioranza avevano allora condiviso (le compensazioni ambientali in primis, ma anche il miglioramento della viabilità, incrementando anche quella ciclabile, la possibilità di unire le due aree verdi di Cernusco e Carugate, la riqualificazione e manutenzione del Parco degli Aironi, le risorse da destinare al distretto del commercio), contiene anche qualcosa in più, che lo rende ancora più accettabile per una forza come Vivere Cernusco che ha fatto della tutela del territorio, da sempre, uno dei cardini della sua politica.

Parlo in particolare della rinuncia, da parte dell’Amministrazione comunale, di edificare in un’area dove era già previsto di costruire: ulteriore prova che questa amministrazione intende proseguire nell’ampliamento delle aree verdi a disposizione della città; la nuova proposta di Eurocommercial inoltre non intacca più l’area verde agricola interclusa tra Carosello e Tangenziale, dove inizialmente di prevedevano strutture viabilistiche.

Chi guarda quindi questa proposta con occhi non resi ciechi da pregiudizi ideologici (della serie “no ai centri commerciali a prescindere…”,) e non si lascia andare a strumentalizzazioni politiche preelettorali (“che non si tocchi foglia che Gargantini non voglia..”), non può non rendersi conto che le basi su cui diamo mandato al sindaco di sedersi al tavolo della trattativa sono sicuramente migliorative rispetto alla proposta precedente.

E non è che tutto questo ce l’ha portato Babbo Natale: è il frutto di un lavoro continuo, meticoloso e attento alla nostra città, di una tela che, in tutti questi mesi sindaco e assessore al territorio non hanno smesso di tessere per ottenere da tutti gli attori coinvolti le migliori garanzie affinchè questo possibile accordo porti alla nostra città il massimo del beneficio, a fronte del sacrificio di una piccola area verde, sacrificio ampiamente compensato, come ho già sottolineato.

A Sindaco e vicesindaco, quindi, Vivere Cernusco rinnova la sua fiducia e il suo grazie per il lavoro svolto.

Eurocommercial: nuovo atto di indirizzo del Consiglio Comunale. L'intervento dell'assessore Giordano Marchetti.

Ieri sera si è discusso e votato in Consiglio Comunale un atto di indirizzo relativo una nuova richiesta di avvio dell’iter inerente un Accordo di Programma con Regione Lombardia per l’ampliamento del centro commerciale “Carosello”, l’adeguamento del sistema viabilistico connesso al Centro commerciale stesso nonchè interventi di riqualificazione territoriale.

VIVERE Cernusco si è espresso favorevolmente rispetto all'avvio dell'iter.

Riportiamo l'intervento di presentazione dell'assessore Giordano Marchetti e la replica esposta dopo gli interventi dei consiglieri.


EUROCOMMERCIAL: NUOVO ATTO DI INDIRIZZO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Intervento dell'assessore all'urbanistica Giordano Marchetti

Credo sia ormai noto a tutti i Consiglieri che la Società Eurocommercial Properties Italia nei primi giorni di novembre 2016 ha depositato presso il ns. Comune e quello di Carugate una nuova richiesta di avvio dell’iter inerente un Accordo di Programma con Regione Lombardia per l’ampliamento del centro commerciale “Carosello”, l’adeguamento del sistema viabilistico connesso al Centro commerciale stesso nonchè interventi di riqualificazione territoriale.

La nuova richiesta nasce come conseguenza della revoca deliberata dal Comune di Carugate, comune capofila, a fine luglio 2016 dell’atto di indirizzo approvato due anni prima dalla precedente Amministrazione e dalla consequenziale revoca deliberata dal ns. Consiglio nel settembre 2016.

Considerato che il Consiglio Comunale di Carugate nella seduta di giovedì scorso ha deliberato l’atto di indirizzo finalizzato ad avviare nuovamente l’iter per la definizione di un AdP per l’ampliamento del Centro Commerciale Carosello e i relativi interventi ad esso connessi, la nostra Amministrazione Comunale, di conseguenza, ha deciso di portare ancora all’attenzione del Consiglio Comunale il nuovo atto di indirizzo tenuto conto che il progetto presentato a novembre dalla Società Eurocommercial ricomprende quanto già condiviso tra la Proprietà e le Amministrazioni Pubbliche, Regione compresa, nel lasso di tempo intercorso tra l’approvazione dell’atto di indirizzo del luglio 2014 e la sua revoca, in ottemperanza ai contenuti del punto 3) della Deliberazione di Consiglio Comunale del 13/09/2016 riguardante lo specifico atto di revoca che, ricordo a tutti, recita testualmente “di riservarsi l’approvazione di un nuovo atto di indirizzo che tenga conto della ridefinizione dei contenuti progettuali e contenga almeno le soluzioni progettuali fin qui emerse, anche durante la Conferenza dei Rappresentanti, tutelando l’interesse del Comune sotto i diversi profili di carattere generale, viabilistico, edilizio, economico e paesaggistico-ambientale.”

Al Consiglio Comunale, in sostanza, viene quindi chiesto di esprimersi nuovamente sulla richiesta avanzata da Eurocommercial mediante l’atto di indirizzo finalizzato a definire il percorso istruttorio e i contenuti da inserire in un possibile Accordo di Programma oltre all’esplicito mandato al Sindaco e al sottoscritto a partecipare, di concerto con il Comune di Carugate, alla definizione di tale Accordo.

Fatta questa doverosa premessa di inquadramento, vorrei ora soffermarmi sugli aspetti più importanti del nuovo atto, il cui testo integrale è già nelle vostre disponibilità, e in particolare:

  1. Riguardo gli aspetti edilizi viene confermato quanto contenuto nel precedente atto e cioè una previsione di ampliamento del Centro Commerciale di 31000 mq di SLP ripartita, come prima, in circa 22000 mq di SLP nel Comune di Carugate su un area ricomprendente spazi commerciali, parcheggi e 600 mq di verde e circa 9000 mq di SLP su un’area di circa 5000 mq posta sul lato nord del parco degli Aironi; 
  2. Rispetto alle questioni viabilistiche siamo invece di fronte ad una sostanziale modifica dell’atto precedente in quanto la riqualificazione viaria proposta, pur confermando il nuovo ingresso-uscita dal Centro Commerciale, l’ampliamento del sovrappasso sulla Tangenziale Est con due altre corsie di marcia e l’eliminazione della contrapposizione dei flussi veicolari in uscita dalla Tangenziale Est direzione Milano/Venezia e quelli provenienti da Carugate, esclude completamente l’utilizzo dell’area agricola racchiusa tra la tangenziale est e il fronte ovest dell’attuale struttura del Carosello mentre prima era ipotizzato un suo uso per infrastrutture viarie; questa area manterrà quindi la destinazione d’uso impressa dal PGT, cioè agricola e – qui apro una parentesi - non agricola di interesse strategico come aveva invece deciso dovesse essere la ex Provincia di Milano nel suo PTCP perchè il TAR, a seguito di ricorso da parte della proprietà, ha ritenuto incoerente detta scelta per l’insussistenza dei presupposti per la classificazione di detta area in agricola strategica dichiarando conseguentemente illegittima tale decisione.- Chiusa parentesi-. Sempre sull’aspetto viabilistico oltre a questo, è poi prevista la realizzazione di una nuova rotatoria nel Comune di Brugherio e lo sviluppo di piste ciclabili da integrarsi con la rete esistente di collegamento tra Cernusco e Carugate includendo il parco degli Aironi e Increa. 
  3. Per quanto riguarda gli aspetti economici con questo atto riconfermiamo ancora la volontà di cedere ad Eurocommercial l’area di circa 5000mq, di proprietà comunale, per un valore che stimiamo debba essere valutato intorno ai 3,5 milioni di euro. Vengono invece introdotti rispetto al passato, interventi a sostegno del commercio locale tramite un’allocazione periodica di risorse economiche per tutta la durata dell’attività del Centro Commerciale, e questo in aggiunta alle compensazioni economiche previste per legge, nonché il sostegno alle iniziative sportive, culturali e sociali promosse dal comune di Cernusco e da quello di Carugate. 
  4. Relativamente agli aspetti paesaggistici-ambientali viene confermata la volontà a che vengano cedute al Comune di Cernusco sul Naviglio aree a servizi di cui all’Art. 14 del Piano delle Regole del PGT nella misura non inferiore a 4 mq per ogni mq di SLP realizzato, viene confermata poi l’unione del Parco degli Aironi con l’attuale parco urbano di Carugate ma con l’interramento della viabilità di accesso al Centro Commerciale dalla SP121 così da creare un’unica e più fruibile area verde; vengono infine confermati gli impegni che riguardano la rinaturalizzazione del Parco degli Aironi ed il consolidamento delle sponde del lago ex-cava con la relativa manutenzione ordinaria e straordinaria del Parco a carico dell’Operatore per tutto il tempo in cui sarà operativo il centro commerciale, l’attenzione all’inserimento paesaggistico delle facciate dell’edificio commerciale che guarderanno il Parco, anche secondo le indicazioni proposte dai Comuni, nonché interventi di ingegneria naturalistica e l’uso di fonti energetiche alternative. Inoltre, diversamente dal precedente atto, viene inserito in questo nuovo atto di indirizzo l’impegno assunto dalla ns. Amministrazione nel corso della Conferenza dei Rappresentanti svoltasi in Regione nel Maggio scorso quale ulteriore elemento di mitigazione ambientale per l’uso dei 5000 mq del Parco degli Aironi di conferire all’interno dell’AdP la superficie di circa 9400 mq di proprietà comunale destinata dal Piano dei Servizi del PGT a lottizzazione per la realizzazione di edilizia residenziale sociale e destinando l’area stessa a verde. 
  5. Per gli aspetti di carattere generale viene confermato la salvaguardia degli attuali livelli occupazionali (1514 lavoratori di cui 77% assunti a tempo indeterminato e 23% a tempo determinato; oltre la meta lavorano full time; 2/3 degli occupati sono donne) e lo sviluppo di ulteriori nuovi 320 posti di lavori,il vincolo ad aprire al pubblico le aree di nuova edificazione solo a completamento delle infrastrutture viarie oltre ad una serie di impegni unilaterali della proprietà riguardanti il trasporto pubblico, la rinuncia alla concessione di spazi da dedicare a sale giochi e similari. 
Prima di chiudere vorrei ricordare ancora una volta che l’insieme di questi interventi potranno essere attuabili solo passando da un Accordo di Programma perché il piano di ampliamento del Centro Commerciale vede coinvolte più Entità pubbliche, perché il disegno prevede nuovi assetti urbanistici e ambientali, perché sono messe in gioco risorse economiche di una certa rilevanza e importanti ricadute occupazionali e quindi, anche se tecnicamente non dovuto, per come intendiamo la politica e il ruolo che Consiglieri rivestono non potevano non passare da un preventivo atto di indirizzo che coinvolgesse l’intero Consiglio comunale.

Io mi fermo qui. Con attenzione seguirò il dibattito cercando di cogliere le proposte, le richieste e i chiarimenti che emergeranno dal dibattito stesso.

venerdì 27 gennaio 2017

Amministrative 2017: Verso le primarie, per una scelta partecipata e condivisa dalla città


Vivere Cernusco, dopo ampia discussione interna e confronti con i rappresentanti delle altre forze del centrosinistra, ha deciso che lo strumento delle primarie sia la strada più trasparente e partecipata per scegliere il candidato sindaco alle elezioni comunali di quest’anno.

Nel 2007 Vivere Cernusco aveva accolto e sostenuto la proposta di candidare Eugenio Comincini, ritenendolo una figura aggregante e rappresentativa della coalizione. Oggi però, dopo due mandati, si impone la scelta di un nuovo candidato. Non essendo emersa, da parte del PD, partito di maggioranza della coalizione, una candidatura unica e condivisa, Vivere ha proposto la strada delle primarie. Primarie che non devono essere viste come elemento di divisione, ma come momento importante di partecipazione della città alla costruzione di una candidatura condivisa.

A breve verrà definito il regolamento per il loro svolgimento, così che si possa votare entro la prima decina di marzo.

Vivere Cernusco parteciperà proponendo la candidatura di

DANIELE RESTELLI

è persona giovane, capace, attenta ai bisogni della sua città e non solo.

Il suo impegno sociale e civile anche in progetti di cooperazione internazionale lo rendono pienamente rappresentativo di quello che, da sempre, è il motto di Vivere Cernusco: “Pensare globalmente, agire localmente”. Un giovane uomo che intende l’impegno politico come servizio, che mette in questo impegno tutta la passione di chi fa politica con la testa, ma anche col cuore.

CHI È DANIELE RESTELLI:

Daniele Restelli, classe 1980, nato e cresciuto a Cernusco sul Naviglio, laureato in Economia e gestione delle imprese commerciali, ha iniziato la carriera lavorativa, non ancora laureato, come direttore di un piccolo supermercato, passando poi a gestire per quattro anni la sede milanese di un consorzio nazionale di economia solidale. Successivamente è stato responsabile commerciale di un'agenzia per il lavoro in Martesana.
Nel gennaio 2010 è stato inviato come missionario laico con la famiglia in Bolivia dove ha vissuto per più di tre anni lavorando nelle carceri e avviando un laboratorio di produzione di sedie a rotelle.
Al rientro in città per due anni ha lavorato nella cooperativa agricola in Cascina Nibai e attualmente è impiegato nell'ufficio amministrativo di un consorzio di cooperative sociali. Sposato, tre figli, gioca a basket quando può, ama la montagna, i viaggi e la buona cucina.
Da sempre impegnato nel sociale, milita nelle fila di Vivere Cernusco da quando aveva 18 anni.








Vivere Cernusco

giovedì 3 novembre 2016

Torna il Sabato Bio: sabato 5 novembre in piazza Matteotti

Sabato 5 novembre 2016, per tutta la giornata, piazza Matteotti ospiterà l'ultimo mercato “bio” del 2016: è l'ultimo di una serie di sabati dedicati ai prodotti dell’agricoltura biologica che, a cadenza variabile, VIVERE Cernusco ha organizzato in quest'anno proseguendo una tradizione iniziata oltre dieci anni fa.

Saremo presenti anche con un nostro banchetto, vieni a trovarci.




mercoledì 2 novembre 2016

Villa Alari: firmato l'Accordo di Programma tra Regione, Comune e Soprintendenza

Il 28 ottobre a Cernusco sul Naviglio, presso Villa Alari, è stato firmato l’Accordo di Programma tra Regione Lombardia, Comune di Cernusco sul Naviglio e Soprintendenza dell’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per finanziare la restaurazione e la riqualificazione della dimora settecentesca (cenni storici a fondo articolo). L’accordo prevede lo stanziamento di 1 milione e 942 mila euro, di cui 935 mila forniti dalla Regione, per la messa in sicurezza e il restauro delle facciate e del tetto della villa, del parco storico della dimora e della cappella, in cui sarà posizionata la Pala dell’Altare, antico dipinto già in fase di restauro.

“Questa prima parte di interventi è chiaramente solo un primo passo verso la completa messa in sicurezza e riqualificazione della Villa Alari – spiega il vice Sindaco Giordano Marchetti –. Ma era un passaggio necessario e, soprattutto, non scontato visto che da quasi un anno stiamo lavorando insieme a Regione Lombardia per trovare la giusta strada da percorrere insieme. La riqualificazione complessiva della Villa, ricordiamolo, vale almeno altri 6milioni di euro, ma i lavori che riusciremo a realizzare con questo primo importante intervento permetteranno già di mettere in sicurezza tutta la Villa, far tornare fruibile il parco che si collegherà con il giardino all'italiana e ristrutturare l’antica cappella che potrà essere utilizzata per, ad esempio, cerimonie e altri eventi. Un ringraziamento particolare va all'ufficio tecnico del Comune e ai funzionari Regionali e della Sorpintendenza, i quali hanno preso a cuore il futuro della Villa e per questo hanno accelerato i passaggi per arrivare a questo accordo”.
“L’obiettivo –riprende il vice Sindaco Giordano Marchetti– sarà quello di completare i lavori di restauro per permettere alla cittadinanza di godere della Villa nel suo complesso”. Per il primo passo comunque, il Sindaco Eugenio Comincini promette di poter partire in primavera e di poter concludere entro 10 mesi, al termine dei quali Villa Alari verrà riaperta al pubblico.

Presenti alla conferenza anche Antonella Ranaldi, Soprintendente Metropolitana Alcheologia, Belle Arti e Paesaggio e Roberto Maroni, Presidente della Regione


mercoledì 21 settembre 2016

Le vie del miele, 24 settembre 2016 a Cernusco

Vi invitiamo all'iniziativa "LE VIE DEL MIELE", che si terrà sabato 24 settembre.
Sarà presente anche l'associazione Futura, con la mostra fotografica "L'agricoltura in Martesana",


venerdì 26 agosto 2016

Regolamento della Caccia al Tesoro di VIVERE Cernusco

Domenica 4 settembre alle ore 15.00, all'interno della Festa di VIVERE Cernusco, si realizzerà la Caccia al Tesoro “CISNUSCUL'ÖVe"

La Caccia al tesoro, aperta a tutta la famiglia, bambini, adolescenti e adulti, si realizzerà per le strade della nostra città in bicicletta e a piedi.

Scopo della Caccia al Tesoro è percorrere la città superando alcune prove, ottenendo indizi per spostarsi da una zona all'altra per avvicinarsi al tesoro. Solo la squadra più abile nel superare le prove e più veloce negli spostamenti potrà trovare il tesoro e aggiudicarsi il premio in palio.

Alla squadra vincitrice della caccia al Tesoro, verrà assegnato il premio di un cesto con i prodotti delle aziende agricole locali che collaborano alla Festa di Vivere Cernusco.

Scarica qui il regolamento e il modulo di iscrizione.

giovedì 25 agosto 2016

VIVERE in festa 2-3-4 settembre 2016

Care amiche/i
torna la festa popolare e solidale di VIVERE Cernusco. Una festa con buon cibo e buona musica, ma anche, come sempre, un'occasione per sostenere progetti di solidarietà. I nostri volontari, che anche quest'anno saranno l'anima della festa, si stanno preparando.
Ora non mancate che voi. Vi aspettiamo numerosi come sempre!



giovedì 23 giugno 2016

VIVERE Cernusco citato nel nuovo libro di Umberto Ambrosoli: OSTINAZIONE CIVILE

«Uno degli insegnamenti più importanti che mi ha lasciato mio padre è che libertà e responsabilità sono concetti legati a doppio filo». Lo dice Umberto Ambrosoli nel suo nuovo libro “Ostinazione civile“, dove racconta la sua idea di politica dal basso e cittadinanza attiva.

E in questo libro si trova anche un paragrafo dedicato a Cernusco sul Naviglio e a VIVERE Cernusco, dove viene ricordato il suo impegno civile, alla trasparenza, alla solidarietà e alla tutela del territorio.

Più avanti si parla anche di CIVES, ossia delle liste civiche della Martesana che si ispirano agli stessi valori di VIVERE.

Il nostro è un invito alla lettura del testo di Umberto Ambrosoli e alla riflessione rispetto agli importanti temi da lui toccati.


venerdì 27 maggio 2016

Stop al gioco d’azzardo vicino ai luoghi sensibili. La Giunta approva il divieto di nuove installazioni

Una mappatura puntuale di tutti i locali in cui sono presenti slot machine, ma soprattutto il divieto di aprire nuovi punti gioco vicino a luoghi sensibili quali scuole, oratori, luoghi di culto, centri di aggregazione giovanili, strutture socio sanitarie e centri sportivi. 

Nei giorni scorsi la Giunta ha stabilito, in base alla Legge Regionale 8/2013, di individuare i luoghi sensibili e le distanze necessarie per poter autorizzare nuovi insediamenti di sale da gioco o locali in cui sono presenti slot machine. Da oggi, dunque, è vietato aprire nuovi locali per scommesse o sottoscrivere contratti con gestori per macchinette da gioco nel raggio di 500 metri dai luoghi che sono stati indicati come sensibili. Un modo, quest’ultimo, per prevenire il gioco d’azzardo ed evitare soprattutto che giovani e giovanissimi possano entrare in contatto con questo tipo di pratica. 

Nel consiglio comunale del 12 gennaio 2016 il consigliere Mariangela Mariani, da me delegata per incentivare le azioni dell’Amministrazione a favore della legalità, aveva individuato come priorità la lotta contro il gioco d’azzardo e le possibili azioni che l’Amministrazione comunale poteva intraprendere per contrastare il fenomeno - spiega il sindaco Eugenio Comincini -. Tra le varie azioni che aveva proposto, vi era anche quella di identificazione dei luoghi sensibili vicino ai quali non sarebbe stato possibile aprire nuove sale gioco oltre alla mappatura di tutte le sale con slot machine presenti già oggi in città. Lavoro che è stato coordinato e posto in essere dal vice Sindaco e Assessore alla Gestione del territorio Giordano Marchetti”. A seguito di ciò, è stato messo insieme un tavolo di lavoro composto da settori Urbanistica, Commercio e Polizia locale che insieme hanno lavorato sinergicamente consentendo di individuare tutti i luoghi sensibili di Cernusco in cui vietare nuove installazioni di slot machine a una distanza non inferiore ai 500 metri e la relativa perimetrazione di queste aree.

In più sono state inserite le così dette ‘fasce di rispetto’ che ricadano sul nostro territorio, quali luoghi sensibili presenti nei Comuni confinanti. In questa fascia rientrano, ad esempio, le scuole dei comuni vicini come Carugate o Pioltello.  Sono equiparati a nuove installazioni anche i rinnovi di contratti stipulati tra esercente e proprietario delle macchinette, la stipula di un nuovo contratto in caso di rescissione tra un gestore e l’altro e il trasferimento di una stessa attività che nel locale precedente aveva un contratto slot machine. “A questo punto Polizia locale e Settore Commercio potranno procedere con controlli puntuali sul numero di apparecchi presenti negli esercizi attivi, verificare la durata dei contratti e quindi mappare in modo puntuale la situazione esistente – spiega il vice Sindaco Giordano Marchetti -. Un importante azione che ci permetterà di tenere sotto controllo non solo i nuovi insediamenti che, se non rispetteranno le nuove norme, non potranno essere autorizzati, ma anche quelli già esistenti. L’obiettivo è quello di ridurre ai minimi termini la presenza di questo tipo di attività in modo da prevenire il gioco d’azzardo e le ludopatie”.

sabato 23 aprile 2016

25 aprile - oltre la "grande banalizzazione"


Si avvicina il 25 aprile, anniversario della Liberazione. Una data che ci ricorda il sacrificio di quanti hanno combattuto e dato la vita perché il nostro Paese avesse libertà, pace e democrazia.

Una data che, per noi di Vivere Cernusco, è legata anche al ricordo di una persona speciale - un partigiano del nostro tempo, qualcuno lo definì - cioè Angelo Spinelli, che proprio in un piovoso 25 aprile di 15 anni fa, lasciava a tutti noi il difficile compito di portare avanti il suo impegno per la città, cercando di essere all’altezza del suo esempio, di persona che aveva sempre vissuto la politica con passione, generosità e correttezza.

Oggi più che mai, in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, abbiamo bisogno di esempi positivi, di testimoni del fatto che un’altra politica è possibile, e non solo: un’altra informazione è possibile, un altro modo di leggere e vivere la complessità del nostro mondo è possibile, lontana da quella che Ezio Mauro ha definito “la grande banalizzazione”.

Come ha scritto di recente anche Mario Calabresi, il nostro vivere civile sta attraversando una crisi profondissima: la rabbia, il disincanto, un fastidio quasi insanabile verso ogni cosa pubblica hanno preso il sopravvento. Ai gravi problemi, ancora non risolti, come la crisi economica e la disoccupazione, si sono aggiunte nuove emergenze, come la sfida del terrorismo.

E la reazione qual è? La “grande banalizzazione”, appunto, che tende a semplificare tutto, spingendo ognuno di noi, anche i più attenti e preparati, ad accettare tesi di comodo, ben confezionate e quindi verosimili, ...ma non necessariamente vere.

La banalizzazione di realtà complesse “è il frutto avvelenato di un’epoca di divisioni, di cinismo e di impazienza ...È qui che il giornalismo può fare la differenza e ritrovare una missione..”

E noi diciamo: non solo il giornalismo, anche la politica.

Nel nostro piccolo, anche con questo giornale, che da quasi 20 anni arriva nelle case dei Cernuschesi, vogliamo fare la nostra parte, offrendo ciò che parla all’intelligenza, e non alla pancia, delle persone. Vogliamo sì denunciare ciò che non va, ma offrire anche esempi positivi di impegno e realizzazioni in campo politico, sociale, culturale.

Dobbiamo sempre ricordarci che, accanto a lavoratori assenteisti, politici e funzionari corrotti, ce ne sono molti di più che con serietà, passione e onestà, tengono in piedi questo Paese e le sue istituzioni.

Vogliamo andare oltre slogan semplicistici, stereotipi e luoghi comuni, vogliamo una politica che sappia affrontare la complessità con competenza e sensibilità, una politica fatta con la testa e col cuore, quella che ci ha insegnato Angelo Spinelli.


venerdì 22 aprile 2016

Serata in ricordo di Angelo Spinelli: sabato 30 aprile spettacolo teatrale Sbankati con Fabrizio de Giovanni

Come ogni anno, nelle vicinanze del 25 aprile, anniversario della morte di Angelo Spinelli, fondatore e anima di Vivere Cernusco, l'associazione Futura organizza un evento culturale per ricordarlo.
Quest'anno propone lo spettacolo di Fabrizio de Giovanni: Sbankati.
Appuntamento sabato 30 aprile alle ore 21 presso la Casa delle Arti di Cernusco sul Naviglio.
Lo spettacolo sosterrà il progetto Olio di Gomito.

ANGELO SPINELLI
“Amministrare la città con la testa e col cuore, con la ragione e il sentimento, appassionandosi alla gente e al paese.
Fare politica con passione, senza tornaconti personali: questo l’esempio che ci ha lasciato Angelo. In consiglio comunale non ha mai accettato di svendere le idealità proprie e del gruppo che lo sosteneva e, forse, ha perso nelle decisioni, vincendo però nel senso della democrazia.
L’arte della mediazione politica spesso gli sfuggiva e di questo soffriva. Politica è anche mediare, valorizzare l’avversario in modo che non diventi il nemico. Lui, così schivo nel manifestare i suoi sentimenti, soffriva profondamente nel prendere posizione contro qualcuno; avrebbe voluto che lo scontro di progetti e idee non diventasse scontro tra persone.
Idee e progetti diversi possono portare al dissenso, ma questo deve essere occasione di maggiore verità e non di ostilità, non deve diventare gestione distruttiva del conflitto, che non sopporta la differenza, anzi la vuole eliminare.
L’avversario politico non è un nemico: di questo parlavamo, di questo soffriva, impotente nella sua passionalità. È questa la testimonianza che, anche se non scritta da nessuna parte, dobbiamo coltivare nel cuore”.

LO SPETTACOLO
Lo spettacolo SBANKATI affronta in modo comprensibile e coinvolgente, a tratti anche molto divertente, il tema della crisi finanziaria mondiale esplosa nel 2008 a Wall Street, mettendo in chiara evidenza le trasformazioni apportate alle regole del sistema bancario italiano per permettere di spalancare le porte, anche in Italia, alla speculazione finanziaria.

Vi si chiariscono le idee sulla finanza speculatrice e sulle responsabilità anche individuali che ne hanno permesso la propagazione, si spiegano i semplici e diabolici meccanismi dei paradisi fiscali e le reali cause dell'aumento del debito pubblico.

Alla luce di questi meccanismi si comprende come "invertire la rotta" significhi scegliere un'economia che assicuri il necessario a tutti i viventi, che metta fine al saccheggio del Sud, che non dilapidi risorse in armamenti e guerre, che renda il mercato uno spazio di inclusione e non di esclusione, che faccia della finanza un mezzo non un fine.
Un'economia per gli esseri viventi e per la terra.

IL PROGETTO
Il progetto “OLIO DI GOMITO” è promosso da “La Grande Casa scs Onlus”, una comunità di accoglienza che, dal 1989, si occupa di minori in situazione di grave disagio, maltrattamento ed abuso, attraverso la gestione di Comunità Educative residenziali e diurne, capaci di offrire
un contesto di vita accogliente e vitale, garantendo attenzione, cura e professionalità fornite dall’equipe educativa.
Accedono al progetto circa 80 ragazzi e ragazze, in età compresa tra i 16 e i 21 anni, italiani e stranieri. Oltre alla necessità di ricostruirsi una vita, hanno il bisogno di avvicinarsi, conoscere e sperimentare la dimensione occupazionale, fondamentale per la loro storia, indispensabile per guardare al futuro.
Obiettivo è favorire esperienze che preparino realmente a possibili percorsi di autonomia personale, umana e lavorativa e sviluppare azioni di rete affinché questi ragazzi non restino ai margini della società ma possano lentamente trovare spazio per ritornare ad essere individui autonomi, in grado di badare a se stessi.

giovedì 21 aprile 2016

Futura APRILE 2016 - Oltre la "grande banalizzazione"

E' in distribuzione in questi giorni il nuovo numero di Futura, periodico di informazione di VIVERE Cernusco.

Nel numero di aprile 2016 troverete:

- Oltre la "grande banalizzazione"
Oggi più che mai, in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, abbiamo bisogno di esempi positivi, di testimoni del fatto che un’altra politica è possibile, e non solo: un’altra informazione è possibile, un altro modo di leggere e vivere la complessità del nostro mondo è possibile, lontana da quella che Ezio Mauro ha definito “la grande banalizzazione”.

- Mettiamoci in gioco: un bar senza slot ha più spazio per le persone

- Dammi 5 minuti: un laboratorio di idee per la città

- Villa Alari: verso un accordo tra Comune e Regione

- Sono tornati i sabato bio

- Centro diurno anziani: finalmente si parte

- In una mostra l'agricoltura in Martesana (vedi la mostra integrale qui)

- Cooperazione e solidarietà: Repubblica Dominicana, nuovi banchi per altri bambini

- Eticomondo cambia casa

- Serata a ricordo di Angelo Spinelli: Fabrizio de Giovanni in Sbankati, speculazione e crisi economica spiegata a mio figlio.
Sabato 30 aprile, ore 21, Casa delle Arti.

Scarica la versione on line di Futura.


venerdì 8 aprile 2016

Referendum 17 aprile sulle trivelle: l'importante è andare a votare!


“Libertà è partecipazione” cantava Gaber anni fa; oggi Vivere Cernusco lo ricorda ai suoi simpatizzanti, invitandoli ancora una volta a esercitare il loro diritto dovere alla partecipazione in occasione del referendum del 17 aprile.

Non diamo indicazioni di voto, ma invitiamo tutti ad informarsi e a votare, per non vanificare uno strumento importante di partecipazione come il referendum.

Inoltre, considerando le scarse notizie date dai media su questo referendum, vogliamo dare il nostro contributo per una partecipazione informata: suggeriamo quindi questo articolo, in cui viene chiarito l'oggetto del quesito, riportate le ragioni del Sì, quelle del No, prospettati i possibili scenari nel caso il referendum passi oppure no.

giovedì 31 marzo 2016

Tutta la mostra sull'agricoltura in Martesana dell'associazione Futura

In occasione della Festa di San Giuseppe 2016 l'associazione Futura ha presentato la mostra AGRICOLTURA IN MARTESANA.

Ecco la mostra completa a disposizione di quanti l'hanno apprezzata o per chi se l'è persa.



martedì 15 marzo 2016

Fiera di San Giuseppe 2016 - mostra "Agricoltura in Martesana"

L'associazione Futura invita domenica 20 marzo, dalle ore 9 alle ore 18, a visitare la mostra fotografica: "AGRICOLTURA IN MARTESANA, FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE"
Questa mostra nasce dall'idea di illustrare, attraverso immagini e testi, quanto l'agricoltura sia ancora un settore fondamentale nel territorio di Cernusco e della Martesana, sia dal punto di vista economico e delle opportunità lavorative, sia sotto il profilo della tutela e valorizzazione del territorio.
L'evento si terrà nel cortile del palazzo comunale. (In caso di pioggia all'interno della sala consigliare).

sabato 5 marzo 2016

Sabato 12 marzo 2016: dammi cinque minuti per lanciare un'idea!

Sabato 12 marzo, dalle ore 16 alle 18,presso la Sala Camerani della Biblioteca Civica di Cernusco sul Naviglio, microfoni aperti per 10 esponenti della cultura, del volontariato, della politica, dello sport e del lavoro: nei cinque minuti a loro disposizione potranno esporre un'idea per la città.
VIVERE Cernusco vuol così, ancora una volta, dar voce alle persone impegnate in vari ambiti che, alla luce delle loro esperienze, possono fornire un contributo di idee e proposte per Cernusco.
Una modalità diversa di esercizio della politica, aperta all'ascolto e alla partecipazione, lontana dalla ritualità di seminari e convegni, una modalità non certo nuova per una lista civica come la nostra che, da oltre 30 anni, ha posto trasparenza e partecipazione alla base del suo operare.


venerdì 26 febbraio 2016

Tornano i sabato bio a Cernusco - il primo del 2016 sarà il 5 marzo

Sabato 5 marzo 2016, per tutta la giornata, piazza Matteotti ospiterà il primo mercato “bio” del 2016: è l'inizio di una serie di sabati dedicati ai prodotti dell’agricoltura biologica che, a cadenza variabile, VIVERE Cernusco organizza in quest'anno proseguendo una tradizione iniziata oltre dieci anni fa.

Saremo presenti anche con un nostro banchetto, vieni a trovarci..

mercoledì 17 febbraio 2016

Comunicato stampa di VIVERE Cernusco sulla sostituzione dell'assessore al bilancio Maurizio Rosci

Dopo la decisione del Sindaco, qualche settimana fa, di revocare le deleghe all'assessore Rosci, Vivere Cernusco, a differenza delle altre forze politiche della coalizione, aveva preferito non uscire con un comunicato stampa. Lo facciamo ora, con un comunicato che in buona parte riprende quanto espresso dalla nostra capogruppo Mariani nel consiglio comunale di lunedì 15 febbraio.
Abbiamo preferito che, doverosamente, si esprimessero prima Sindaco e Giunta e, solo successivamente, le forze politiche.
Questo perché Vivere Cernusco ritiene che la scelta di Comincini, ponderata e difficile, non abbia a che vedere con questioni politiche e quindi non intacchi l'alleanza, solida, che in questi nove anni, senza trasformismi, nel rispetto del mandato degli elettori, ha governato Cernusco.
Una decisione sicuramente sofferta quella compiuta dal Sindaco, una decisione sicuramente subita con sofferenza dall'assessore Rosci, al quale va tutta la nostra riconoscenza per il grande lavoro svolto in questi anni.
Siamo certi che sia stata una scelta non facile da compiere, ma siamo altresì convinti che, in un qualsiasi tipo di rapporto, la fiducia reciproca e la condivisione delle scelte siano fondamentali; se vengono a mancare è meglio prenderne atto ed agire di conseguenza, piuttosto che proseguire tra ipocrisie e ambiguità.
Ora sta a tutti noi dimostrare che siamo e continueremo ad essere una squadra coesa, una squadra che deve avere sempre come riferimento il mandato ricevuto dagli elettori, il bene della città e quello dell'intera coalizione, superando individualismi e ricerca di personale visibilità.
Al nuovo assessore Pietro Melzi, cui il Sindaco ha assegnato ufficialmente le deleghe martedì 16 febbraio, vanno i nostri migliori auguri per un lavoro proficuo. Un lavoro che richiede capacità ma anche grande attenzione e continuità d'impegno, nonostante le deleghe – seppure importanti - siano un po' meno gravose di quelle gestite fino a ieri da Maurizio Rosci.
A questo proposito salutiamo con favore la scelta del Sindaco di scorporare due deleghe, quella al Bilancio e quella ai Lavori Pubblici, non affidandole più a un'unica persona.
Vivere Cernusco infatti, già durante il primo mandato, aveva segnalato l'inopportunità di assegnare due deleghe di questo tipo a un unico assessore: un'anomalia difficile da trovare in altre giunte, dove si cerca di distinguere chi gestisce l'area finanziaria da chi programma lavori che richiedono grossi investimenti. Ora questa anomalia, che forse è stata tra i motivi di una situazione via via più difficile da gestire, non c'è più.
Quello che ancora c'è è l'impegno di questa maggioranza a perseguire gli obiettivi fissati, facendo tesoro di ogni esperienza, anche negativa, per lavorare con sempre maggiore condivisione al servizio della città.
VIVERE Cernusco

giovedì 21 gennaio 2016

Dammi 5 minuti: concorso di idee!

Dammi 5 minuti!
concorso di idee

L'anno scorso ci eravamo lasciati proponendoci di ripetere questa interessante iniziativa: un momento di partecipazione, confronto, un laboratorio di idee per la cittadinanza che ci era parso bello e proficuo.

Eccoci qui allora a riproporre la formula: 5 minuti di microfono per una decina di esponenti del mondo della politica, della cultura, del sociale, del lavoro... ma questa volta non solo: in linea col nostro modo di pensare la partecipazione alla vita cittadina, quest'anno vogliamo darvi il microfono!

Avete un'idea interessante per Cernusco? Da tempo coltivate un progetto che vi piacerebbe presentare? Ecco il momento giusto! Dammi 5 minuti diventa un concorso di idee: presentateci la vostra proposta, i vostri 5 minuti! Tra tutte le idee sceglieremo le due più originali, quelle su cui, come lista, ci piacerebbe lavorare nell'ottica di un vero e proprio laboratorio e poi il 12 marzo, presso la biblioteca, il microfono sarà vostro!

Partecipate numerosi: insieme per una Cernusco da Vivere anche con te!

Termini del concorso: inviare entro il 20 febbraio 2016 all'indirizzo mail (viverec@gmail.com) uno scritto di 2000 battute dove venga illustrata l'idea che si vuole presentare, allegare breve scheda di presentazione. Ai vincitori del concorso verrà comunicata la possibilità di prendere parte attiva alla manifestazione in oggetto.

Giornata della Memoria: spettacolo teatrale NON ARRENDERTI, ALEX!! - sabato 30 gennaio 2016

Futura e altre associazioni di Cernusco sul Naviglio hanno promosso in occasione della Giornata della Memoria uno spettacolo teatrale.
L'evento "NON ARRENDERTI, ALEX!!" sarà presentato sabato 30 gennaio, alle ore 21,
alla Casa delle Arti, uno spettacolo teatrale per narratore, attori, orchestra e coro.

Gli avvenimenti si svolgono nel 1942, nel ghetto di Varsavia.
Attraverso gli occhi di Alex, bambino ebreo, un insolita storia di sogni, paure, giochi e poesia.
Opera teatrale liberamente tratta da " L'isola in via degli Uccelli" di Uri Orlev e accompagnata
da musiche della tradizione klezmer e dell'Europa dell'Est, eseguite dall'Orchestra Giovanile Crescendo
Uno spettacolo teatrale per un pubblico di ogni età.


mercoledì 13 gennaio 2016

La relazione del capogruppo di VIVERE Cernusco sulle azioni concrete contro pericoli e illegalità legati al gioco d’azzardo

Il capogruppo di VIVERE Cernusco in Consiglio Comunale, Mariangela Mariani, ha presentato la propria relazione conclusiva sul progetto Azioni concrete contro pericoli e illegalità legati al gioco d’azzardo.

Prendendo le mosse dalla campagna “Mettiamoci in gioco”, promossa da “Avviso Pubblico”, questo progetto inaugura la collaborazione tra il nostro Comune e questa associazione, cui la città di Cernusco ha aderito con delibera di Giunta il 14 luglio scorso.
A questa delibera ha fatto seguito, il 15 luglio, la nomina di Mariangela a consigliere incaricato per la Legalità.

Quando ha ricevuto questo incarico ha pensato che, dato il limitato tempo a sua disposizione (6 mesi), fosse necessario concentrare l'attenzione su un tema specifico e si è scelto quello del contrasto al gioco d'azzardo.

Qui trovate la relazione completa.

mercoledì 2 dicembre 2015

Intervista al Vicesindaco Giordano Marchetti

Sul numero di dicembre di Metropolis trovate l'intervista al vicesindaco Giordano Marchetti.
(clicca sulla foto per ampliare l'immagine)



domenica 25 ottobre 2015

Tre appuntamenti per ricordare la Grande Guerra

Cara amica/o
a Cento anni dalla Grande Guerra, come Associazione Culturale FUTURA, ti proponiamo
tre appuntamenti: due conferenze con il prof. Mauro Raimondi che ci illustrerà cause, conseguenze e
verità nascoste di una pagina tragica della nostra storia; uno spettacolo teatrale
con letture e canzoni, che partendo dal diario di un alpino della Val Maira, ci ricorda come,
per l'ambizione dei grandi, a pagare siano sempre gli ultimi.
Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.